venerdì 2 novembre 2012

Make Up & Sicurezza [Parliamone]



Mi sono imbattuta casualmente in questo video. L’ho visto, mi sono goduta la bravura di Cindy e quando ho visto anche la partecipazione di Alice, per chi viene da youtube AlicelikeAudrey, non ho potuto fare a meno di sorridere. Bella, brava e intelligente sapevo che avrebbe creato un look semplice ed effetto, come tutti i suoi tutorial.
Solo che vedendo dal minuto 14 in poi il mio sopracciglio si è sollevato arrivando a toccare alti livelli di perplessità. What?
La guru del make up ci presenta in pochi e semplici “step” come truccarsi in macchina, ricreando un semplice trucco ad effetto per un appuntamento, per non andare struccata e scompigliata. Sulla sua pagina facebook alle critiche Miss Venturi ha risposto che lei è solita farlo, che spesso finisce il trucco in macchina per non stare in ansia nell’attesa dei semafori e, ciliegina sulla torta, che non ha mai provocato un incidente.

Non voglio sindacare di certo sulla questione “truccarsi in macchina”: a volte sarà anche capitato di avere un ritardo disumano e ultimare gli ultimi ritocchi proprio sul veicolo. Però un conto è farlo quando alla guida c’è una persona, un conto è farlo sulla metro (a me è successo un po’ di volte di finire il mio trucco proprio sulla metro o di doverlo ritoccare) un conto invece è farlo tra un semaforo e l’altro mettendo a rischio la propria incolumità e quella degli altri. Che gli incidenti, lo dicono le statistiche, accadono per le “sviste” più banali e insignificanti.
Ma ripeto non voglio sindacare su un comportamento che, pur essendo vietato dal codice della strada, potrebbe verificarsi proprio in casi di assoluta emergenza e ritardo.
Quello che mi ha lasciato perplessa è il farne un tutorial. Fare cioè una spiegazione in passaggi sul come truccarsi in macchina. No, questo per me è davvero ridicolo e alquanto diseducativo.
E la caduta di “stile” per me non è solamente di Alice ma anche di Sephora la quale, essendo una grande marca di make up, dovrebbe cercare di sensibilizzare le ragazze e le donne a stare davvero attente. Perché la noticina in basso al video che dice di stare attente e di farlo solo coi semafori rossi fa tanto poca coerenza.

Immagine Film "Se ti investo mi sposi?"  (titolo originale Elvis has Left the Building) con Kim Basinger, nel ruolo di una rappresentante di cosmetici "Pink Lady" e John Corbett. 

Questo video mi ha portato così a riflettere sul tema Make Up e Sicurezza. In quale grado di classifica possiamo mettere il make up e quale la sicurezza?
Se ci facciamo un giro tra le immagini della macchina ideale della donna, possiamo vedere che molte di noi sognano un cruscotto con tanti vani apribili da cui tirare fuori, come un mago che tira fuori il coniglio dal cappello, i nostri amati pennelli e le nostre colorate trousse. Ammettiamo anche, senza ipocrisia, che a nessuna piace presentarsi ad un appuntamento (che sia di lavoro o sentimentale) “orrendamente” struccata e con una pessima cera. Ma non facciamo quelle contro-tendenza che preferiscono mettere il trucco davanti ad ogni cosa.
Che molte guru fanno dei tutorial pazzeschi e poi fanno video tag in cui mostrano come truccarsi in meno di cinque minuti e con un trucco essenziale, pochi prodotti (e spesso anche low cost) e straordinariamente naturale. Alla fine le statistiche parlano da sole, ma diciamo anche che le statistiche e i fatti spesso servono per mettere paranoia alle persone, non è certamente una statistica ad ucciderci ma l’impegno e attenzione che mettiamo nel fare una determinata cosa. E se molte delle macchine per le donne non vengono fornite con compartimenti per il make up un motivo ci sarà, del resto i concessionari ne sanno una più del diavolo pur di guadagnare.
Ma di certo non vado a sindacare su quello che le persone fanno, sono dell’idea che ognuno deve pensare per se stesso. Ho apprezzato tra i commenti chi ha detto “Ognuno fa quello che vuole, di certo io non lo faccio non essendo la dea Kalì e non avendo i sensi portati a fare diecimila cose”. Ma voglio aggiungere una cosa: Tu, Alice, vieni seguita da tantissime ragazze. Parli dell’abbandono degli animali, parli di donare il sangue e di tante altre cose che fanno di te una ventenne matura. E’ questo l’esempio che vuoi dare? Ok, continua pure a truccarti in macchina ma almeno evita di dare idee alla gente che poi si inizia a pensare “Se lo fa lei lo posso fare anche io…”
E quando si va in macchina, ma in tutte le cose che comporti un minimo di attenzione, ci vuole sempre la sicurezza. Non solo per se stessi ma anche per non fare del male a chi ci sta intorno, a chi ha una famiglia, una vita come la nostra.
E questa credo sia la differenza fondamentale tra un essere pensate e un imbecille.

L8D

Nessun commento:

Posta un commento

About Author

Footer