venerdì 2 ottobre 2015

La Congrega Bianca - Francesca Angelinelli [Book]



Buonasera e bentornati sul blog. La recensione di oggi riguarderà un romanzo che ho avuto modo di leggere di recente e che ho apprezzato moltissimo. Si tratta de "La Congrega Bianca", romanzo d'esordio di Francesca Angelinelli.
Prima di inoltrarci nella recensione, vi lascio qui di seguito la trama del romanzo e le relative info utili su come e dove acquistarlo.

Trama: "Seril è una giovane strega che ha appena perso i genitori. Un mistero aleggia attorno alla loro morte. E da quando è rimasta sola strane creature la inseguono invocando Samantha. Ma chi è Samantha? E cosa vogliono da lei quei mostri? Forse il seducente Armand può aiutarla a scoprire quale mistero 
aleggia attorno a lei e alla sua famiglia. O fa forse parte anche lui del complotto? Si deve forse fidare del suo rivale Etienne? Una lotta si combatte da decenni a causa di un tradimento e ora Seril è l'unica che può porre rimedio agli errori della sua antenata."

GenereUrban Fantasy/Paranormal Romance
Casa EditriceYoucanprint
Ebook su Amazon
Cartaceo su Mondadori Store


L'autrice ha scelto un genere e un argomento che bene o male conosciamo tutti. La storia della ragazza con qualche capacità particolare e contesa da due ragazzi rappresenta una tematica già vista sia nei libri che al cinema. 

Nonostante ciò, sono convinta che prendere l'idea di base ed utilizzarla per sviluppare una nuova storia, sia fonte di grande immaginazione e creatività. E Francesca Angelinelli é riuscita nel suo intento.

Protagonista del romanzo è Seril, una giovane strega che ricorda molto una sua collega che noi tutti conosciamo bene: Sabrina Spellman, la protagonista del divertente telefilm degli anni novanta. La somiglianza tra le due sta più che altro nel fatto che entrambe hanno al loro fianco un simpatico amico felino.
L'amico a quattro zampe di Sabrina era il combinaguai Salem, quello di Seril invece si chiama Ottavio ed è indubbiamente il personaggio migliore del romanzo. Coraggioso, un po' brontolone, ma dal cuore tenero. Nonostante sia solo un gatto, Ottavio è una sorta di guardia del corpo per Seril. E' molto protettivo nei suoi confronti e non permetterebbe a niente e nessuno di farle del male. 

Interessanti e ben sviluppati anche gli altri personaggi. Non me ne voglia Francesca per non aver parlato subito di Seril, ma io ho una vera e propria adorazione per Ottavio, come ho già avuto modo di dirle per email.
Ma ora concentriamoci su Seril. Una protagonista forte, determinata e coraggiosa. La morte di entrambi i genitori, mercanti di oggetti magici, ha segnato enormemente la sua vita, soprattutto per il modo brutale in cui essa è avvenuta. L'obiettivo di Seril è riuscire a trovare, finalmente, l'orrendo assassino che ha ucciso i suoi genitori. L'impresa non è certo facile e mille sono gli ostacoli da affrontare, ma nonostante questo Seril dimostra una forza straordinaria. Ovviamente è pur sempre un essere umano e le entità soprannaturali non mancheranno di spaventarla, ma non la faranno mai apparire come una codarda.

Passiamo ora ai due boys che si contenderanno il cuore della bella fanciulla: Etienne e Armand.
Non potrebbero essere più diversi, il giorno e la notte. Entrambi belli e seducenti, ma con una cosa in comune: Seril. Ognuno di loro cercherà di ottenere la fiducia della giovane strega, chi per una ragione, chi per l'altra.
Spetterà a Seril capire quale dei due è davvero suo amico e non sarà facile in quanto Etienne e Armand hanno due modi di relazionarsi completamente contrapposti. 
Sfuggente e alquanto antipatico il primo, dolce e romantico al limite del mieloso il secondo. Per una ragazza come Seril, nel cui mondo regnano morte e paura, Armand rappresenta la scelta migliore. Potrebbe offrirle, sentimentalmente, quella parte di normalità di cui Seril ha bisogno. 
Purtroppo ciò non è possibile, in quanto sia Armand che Etienne sono entrambi vampiri.

Armand si dimostra fin da subito cavaliere, facendo a Seril una corte, per certi versi sfrontata, ma che alla ragazza non può che far piacere.
Etienne al contrario è scostante, freddo e alquanto taciturno. Per quanto sia palese il suo interesse nei confronti di Seril, non perde occasione per allontanarla da sé, provocando continui dubbi nella ragazza.

I due vampiri si professano nemici, ma chi dei due è il vero nemico di Seril? E in tutto questo, cosa c'entra Samantha? Dalla sinossi è chiaro che è un'antenata di Seril, ma cosa rappresenta?
Su Samantha e Roberto, altro personaggio di contorno, non intendo pronunciarmi perchè sfocerei in spoiler che non mi sembra corretto rivelare per non rovinare la lettura del romanzo. Una cosa però posso dire. Samantha e Roberto non compaiono in molte pagine, ma nonostante questo rappresentano ruoli rilevanti ai fini della storia; Samantha per la sua relazione famigliare con Seril, Roberto invece per la profonda amicizia che lo lega ad un altro personaggio della storia.

Il romanzo è dunque un mix di poteri magici, flashback, emozioni, battaglie all'ultimo sangue, amicizia ed amore. Tutti ottimi elementi per ricavare un buon libro. 

Il romanzo però, secondo me, ha un'unica pecca.
Per quanto la trama sia interessante e lo stile scorrevole, in alcune parti la lettura tende ad essere piuttosto lenta e ripetitiva. Nonostante ciò si arriva tranquillamente fino al termine del romanzo dove si può apprezzare il sorprendente quanto commovente finale.

Consiglio "La Congrega Bianca" perchè non è la solita storia vampiro/ragazza.
Confesso che inizialmente ero un po' scettica riguardo la storia. Dopo la saga di Twilight e The Vampire Diaries non è facile trovare qualcosa di nuovo che possa affascinare il lettore. Io però ho voluto ugualmente leggere il romanzo non solo perchè incuriosita dalla trama, ma anche per rispetto nei confronti dell'autrice che mi ha permesso di leggere il suo lavoro. 
Io sono davvero contenta per la possibilità che mi è stata data perchè così ho avuto modo di conoscere un nuovo nome del panorama letterario, di cui sicuramente leggerò futuri romanzi.

Spero, attraverso la mia recensione, di avervi incuriositi. 
Vi lascio con un estratto che a me è piaciuto tantissimo.



"Ho paura. Da quando ci sei tu non faccio che avere paura"

"Solo le persone vive hanno paura, perchè hanno qualcosa da perdere. I morti invece non hanno timori. Le persone vive hanno sogni e desideri. Tu desideri qualcosa?"

"Si"

"Allora sei vivo"


Un abbraccio a tutti

BlackCherry

2 commenti:

About Author

Footer